Internship

Regolamento di funzionamento del rotating internship program

ART. 1: FINALITA’ DEL PROGRAMMA
Il Rotating Internship è un programma di formazione specialistica post-laurea, che fornisce una esperienza pratica approfondita nella clinica degli animali da compagnia al fine di creare figure professionali Medico Veterinarie di alta qualità in grado di accedere a percorsi di “Residency Training” (percorsi di approfondita formazione teorica e pratica, della durata di 3 o 5 anni, ristretta ad uno specifico settore della Medicina Veterinaria, indispensabili per il conseguimento del titolo di Diplomato presso i Colleges specialistici clinici, Europei e Nordamericani (associazioni professionali che rappresentano e qualificano ufficialmente attraverso il conseguimento di un diploma a livello internazionale i laureati in Medicina Veterinaria in specifici settori della professione)

ART. 2: CONTENUTI DEL PROGRAMMA
Il programma ha la durata di 46 settimane e prevede la frequentazione obbligatoria e attiva dell’Ospedale Veterinario Didattico Universitario del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni animali di Napoli da parte dei partecipanti, d’ora in poi chiamati “Intern”. La frequenza dei vari reparti viene articolata con la seguente tempistica:
1. Medicina Interna (18 settimane);
2. Chirurgia (13 settimane);
3. Diagnostica per immagini (5 settimane);
4. Riproduzione (5 settimane)
5. H24 Emergency e Terapia intensiva (5 settimane)
Nel programma di Medicina interna, oltre alle attività di base, viene conferita una particolare preparazione nelle seguenti discipline:
- Dermatologia
- Cardiologia,
- Gastroenterologia,
- Endocrinologia;
- Diagnostica ematologica,
- Diagnostica parassitologica,
- Diagnostica microbiologica,
- Diagnostica isto- e cito-patologica e necroscopica,
- Dietetica degli animali da compagnia

Nel programma di Chirurgia, oltre alle attività di base (chirurgia dei tessuti molli e ortopedia) viene curata in modo particolare la formazione nei seguenti ambiti disciplinari:
- Ortopedia
- Oftalmologia,
- Neurochirurgia,
- Oncologia;

Nel programma di Riproduzione, oltre alle attività ostetrico-ginecologiche di base, si realizza una formazione avanzata nella seguente disciplina:
- fecondazione artificiale negli animali da compagnia.

ART. 3: ORGANIZZAZIONE DIDATTICA
Il programma si compone di una parte generale e di una speciale.
Parte generale: della durata di 5 settimane durante le quali gli Intern debbono frequentare per una settimana ognuna delle seguenti strutture:
1. ambulatorio chirurgia
2. ambulatorio medicina interna
3. laboratorio anatomia patologica
4. laboratorio malattie infettive
5. laboratorio parassitologia

Nell’ambito di ciascuna struttura l’Intern è affidato ad un Docente che ne diventerà tutor e avrà il compito di seguire l’Intern per la durata dell’intero programma.
Parte speciale: della durata di 41 settimane durante le quali gli Intern effettuano turnazioni settimanali in ognuna delle seguenti strutture:
1. Sala operatoria tessuti molli
2. Sala operatoria tessuti duri
3. Ambulatorio specialistico di chirurgia
4. Ambulatorio specialistico di medicina interna
5. Terapia intensiva

In tali strutture, per tutta la durata della parte speciale, gli Intern partecipano attivamente ai turni, compresi quelli notturni e festivi, e al servizio di Emergenza H24.
Gli Intern sono inoltre coinvolti nei clinical rounds giornalieri, in cui vengono discussi i casi clinici osservati nelle strutture ospedaliere. Inoltre, con cadenza mensile, sotto la supervisione del proprio Docente tutor, sono impegnati nella elaborazione dei casi clinici più significativi riscontrati con presentazioni mediante power-point, e in attività seminariali riguardanti argomenti specifici (journal club) rivolti agli addetti ai lavori e agli studenti.
Agli Intern sarà consegnato un libretto delle attività nel quale essi dovranno riportare le singole attività svolte nelle varie strutture ospedaliere, debitamente firmate dal Docente responsabile per quella determinata attività.

Piano di distribuzione ore di didattica:
Le ore di didattica sono da intendersi esclusivamente didattica pratica e prevedono un totale di 6 ore giornaliere per 5 giorni settimanali per un totale di 40 ore settimanali, divise fra le varie discipline, secondo il seguente schema:
1. Medicina Interna (18 settimane=540 ore)
2. Chirurgia (13 settimane = 390 ore);
3. Diagnostica per immagini (5 settimane = 150 ore);
4. Riproduzione (5 settimane = 150 ore)
5. H24 Emergency e Terapia intensiva (5 settimane = 150 ore)
Sono previste 2 giornaliere ore di studio autonomo e/o assistito dai Docenti (Self direct learning)
dedicate alla elaborazione dei casi clinici e alla preparazione dei journal club.

ART.4: CONSIGLIO DIRETTIVO
Il Consiglio Direttivo del programma Rotating Internship ha il compito di coordinare e gestire le attività didattiche previste, attribuisce i compiti didattici previsti dal programma ai singoli docenti e relaziona sulla propria attività almeno una volt l’anno informando il Consiglio di Dipartimento
Sono componenti del Consiglio Direttivo: il Direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali o un suo delegato, il Coordinatore del Corso di Studi in Medicina Veterinaria, il Direttore dell’ Ospedale Veterinario Universitario Didattico (OVUD), un Docente a contratto estero di chiara fama con funzione di valutatore del programma stesso.

Il Consiglio, nel proprio seno, elegge un Coordinatore del Programma; il Consiglio si riunisce almeno due volte l’anno, alle sue riunioni possono partecipare su invito del Coordinatore, docenti che insegnano nel programma. Al termine del programma il Consiglio valuta gli intern e propone il conferimento del Diploma attestante la frequenza al Rotating Internship.

ART. 5: BANDO DI ACCESSO AL PROGRAMMA
L’accesso al programma è disciplinato da un bando che viene pubblicato ogni anno, prevedendo un numero di intern non superiore a 5 per anno. Il bando viene pubblicato nel mese di luglio. Gli ammessi devono essere in possesso del Diploma di Laurea Magistrale o della Laurea Specialistica in Medicina Veterinaria e dell’abilitazione all’esercizio professionale, con un voto non inferiore a 100/110 e con un’età non superiore ai 33 anni e laureati negli anni 2011-2014. L’ammissione al programma avverrà sulla base di una graduatoria derivante da una prova scritta e da una valutazione dei titoli. La Commissione esaminatrice è composta dal Direttore del Corso e da almeno altri due membri designati dal Consiglio Direttivo.

ART. 6: OBBLIGHI DEGLI INTERN
Gli Intern hanno l’obbligo di :
a) iniziare l’attività alla data prevista, secondo le direttive impartite dal Coordinatore del programma che comunicherà il calendario delle rotazioni nelle differenti strutture;
b) Ricoprire turni ospedalieri anche notturni e festivi;
c) Partecipare all’Emergency Service h24;
d) Svolgere, con cadenza settimanale, seminari riguardanti casi clinici seguiti nelle strutture ospedaliere o riguardanti argomenti specifici rivolti agli addetti ai lavori e agli studenti;
e) espletare l’attività regolarmente e ininterrottamente per l’intero periodo della durata del contratto. Potranno essere giustificate brevi interruzioni solo se dovute a motivi di salute o a casi di
forza maggiore debitamente comprovati, fermo restando che le interruzioni di lunga durata (>4 settimane) non consentiranno l’acquisizione del titolo;
f) presentare a fine anno una relazione completa e documentata sul programma di attività svolto, nonché una dissertazione riguardante una delle attività seguite durante lo svolgimento del programma Elaborata in forma di presentazione al Consiglio Direttivo.

ART. 7: STRUTTURA RESPONSABILE DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVO-CONTABILE DEL CORSO
La gestione amministrativo-contabile del Programma, è affidata al Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni animali, dell’Università degli Studi di Napoli Federico II

ART. 8: DIPLOMA
Gli Intern al termine del programma svolto, dopo aver effettuato la presentazione ed essere stati valutati dal Consiglio Direttivo, anche in base alla frequenza del programma ed ai giudizi dei singoli docenti responsabili delle varie fasi di formazione, e dopo superamento dell’esame finale, consistente in una presentazione di un caso clinico di particolare interesse osservato nel corso dell’anno, ricevono un Diploma da parte del Coordinatore su delega del Rettore.