Maggio 2020

Una contagiosa leggenda metropolitana

di Alessandro Fioretti

Una leggenda metropolitana molto diffusa in ambito scientifico attribuisce al medico statunitense William H. Stewart (1921 2008) pediatra, epidemiologo e chirurgo, esponente di rilievo del Public Health Service degli USA, la famosa affermazione: "è ora di chiudere il libro di Malattie infettive e dichiarare vinta la battaglia contro le pestilenze".

Anziché Fake News, qui siamo nel campo delle cosiddette Fake Quotes (anche dette misleandig attributions) raccolte da storici di fama in vari libri, il più noto dei quali è “They never said it” di P.F. Boller e J. George della Oxford University Press. Molti sostengono che l’illustre medico non abbia mai pronunciato la famosa frase, anche se non è stato sinora possibile identificare il vero autore. Un’accurata analisi della letteratura medica di quegli anni (1965-1969), condotta da B. Spellberg e B. Taylor-Blake nel 2013 (1), non ha permesso di appurare l’identità di colui che coniò la frettolosa e spocchiosa sentenza, ma ha svelato che, con tutta probabilità, la stessa sia nata da un travisamento delle parole di Stewart che invece in molte occasioni sostenne esattamente il contrario.

Lui dichiarò in numerosi convegni che ci saremmo presto trovati di fronte a malattie infettive emergenti o riemergenti, per cui non si doveva assolutamente abbassare la guardia ma, visto il crescente ruolo degli antibiotici nella terapia di molte patologie batteriche, si poteva guardare al futuro con maggiore ottimismo. Nel 1969 venne invece riportata la frase incriminata sulla base del resoconto di un giornalista che non aveva partecipato direttamente ai convegni del Dr. Stewart, nei quali si occupava di malattie infettive, ma anche dell'ascesa delle patologie croniche e oncologiche legate all’ambiente e agli stili di vita (fu uno dei primi a condurre negli USA campagne anti-fumo).

Purtroppo invece il riassunto 'di seconda mano' agevolò lo sviluppo di una delle urban legend più coriacee della storia della medicina. Le pestilenze erano state sconfitte nella loro spaventosa forza epidemica e nelle impressionanti percentuali di mortalità che le accompagnavano. In Europa non si presentarono più dopo quella che interessò Messina nel 1743, ma non per questo andavano archiviate, viste le gravi epidemie che si ebbero in altri paesi come il Vietnam fra il 1960 ed il 67, oppure come in India nel 1994, in Libia nel 2009 e in Madascar nel 2014.

(1)Spellberg and Taylor Blake
Infect.Dis.of Poverty 2013, 2:3